Vision Care Journals

Messaggio di errore

  • Notice: Undefined variable: pipes in _imagemagick_convert_exec() (linea 478 di /var/www/vhosts/centrostudisalmoiraghievigano.it/www/sites/all/modules/imagemagick/imagemagick.module).
  • Warning: proc_open() has been disabled for security reasons in _imagemagick_convert_exec() (linea 478 di /var/www/vhosts/centrostudisalmoiraghievigano.it/www/sites/all/modules/imagemagick/imagemagick.module).

Vision Care: molti aspetti, un solo fine

Cos’è il Vision Care? Oggi se ne parla sempre di più̀, ma pochi ne comprendono fino in fondo il valore e le potenzialità̀. Vision care significa un nuovo modo di concepire il mondo della visione, quell’insieme di atti, presidi, e tutto quanto risulta funzionale al bene della vista. Vision Care è, nel nostro caso specifico, una complessa attività̀ di prevenzione e sensibilizzazione dell’utente finale, che vede coinvolte la Società̀ Oftalmologica Italiana, la Fondazione Insieme per la Vista e il Centro Studi Salmoiraghi & Viganò. Quest’ultimo, quale organo tecnico scientifico di Salmoiraghi e Viganò, ritiene che la prevenzione visiva non possa prescindere dall’attività̀ del Medico Chirurgo Oculista, per cui ha deciso di mettere tutte le proprie capacità e competenze, che provengono anche dai 150 anni di storia e dal radicamento nel territorio della stessa Salmoiraghi e Viganò, in prima battuta a disposizione della classe medica, ma, di riflesso, anche e soprattutto della comunità̀ e del sociale: in altre parole, si pone come punto d’unione tra la scienza e la tecnica, a esclusivo vantaggio del paziente.
Da qui l’esigenza di dar vita a una rivista come questa, di ampio respiro, perché́ capace di abbracciare vari campi della medicina e della vita: non un magazine specializzato, quindi, ma multitasking, utile a un ampio ventaglio di professionisti, dall’oculista al farmacista, dal pediatra al nutrizionista o al dietologo, ad esempio. Con un solo, grande obiettivo: parlare di vision care nell’ottica dell’utente finale, quale, appunto, è il paziente.

Luigi Mele